Comunicazione , Editoria

|

20 Ottobre 2020

Typimedia editore

Coronavirus, cronaca da 10 e lode di Giuseppe Spatola

Non è facile raccontare la morte, la paura, il terrore, la malattia, la distruzione di un mondo, l’annullamento dei rapporti sociali. Non in astratto, in concreto. E questo difficile compito è riuscito, da cronista rigoroso ed equilibrato – disincantato il giusto e distaccato quanto si deve – ma anche capace di non spegnere la drammatica realtà, a Giuseppe Spatola in La Storia del Coronavirus a Bergamo e Brescia. Il libro (160 pagine, 12.90 euro), pubblicato da Typimedia Editore, è stato scritto in presa diretta da chi ha messo nero su bianco – inviato di Bresciaoggi e un passato al Corriere della Sera – centinaia di articoli sugli effetti della pandemia, sulla disperazione, sulle famiglie coinvolte, sulle bare, le cremazioni, sulla dissoluzione di ogni certezza. Sulle tante storie dirette e indirette del Covid, quelle che piacciono tanto ai media verrebbe da dire, ma che Spatola ha descritto con stile asciutto trattenendo la sofferenza personale e la voglia di fuggire da un inferno. Un libro da leggere tutto d’un fiato. #rassegnalavoroit

APPROFONDISCI SUL SITO DI TYPIMEDIA

SCOPRI DI PIÙ SUL MONDO DEL LAVORO: NAVIGA SU RASSEGNALAVORO, LA VOCE DI CHI LAVORA

Comunicazione

|

13 Luglio 2020

Repubblica.it

30 minuti per le video conference (e basta)

La durata ideale per le video-conference? 30 minuti (e basta): gli incontri da remoto sono mentalmente più faticosi di quelli fisici, dice una ricerca condotta dalla società di consulenza statunitense Harris Poll, ripresa da Claudio Gerino su Repubblica. Laddove non sia possibile limitare le riunioni online a mezzora, il consiglio è di fare una pausa ogni due ore: per tutti agenda definita e durata contingentata. #rassegnalavoroit

APPROFONDISCI SUL SITO DI REPUBBLICA

SCOPRI DI PIÙ SUL MONDO DEL LAVORO: NAVIGA SU RASSEGNALAVORO, LA VOCE DI CHI LAVORA

Comunicazione

|

2 Giugno 2020

Vita.it

Persone sempre al centro, non più solo IoT

Titola bene Vita: non è più tempo di Intranet of Things, persone al centro della comunicazione interna aziendale, scrive presentando Tempo di IoP: Intranet of People. Leggiamo insieme l’articolo di Antonietta Nembri, attenta osservatrice del mondo sociale, del volontariato e della sostenibilità economica e ambientale. People first, prima (e sempre) le persone. #rassegnalavoroit

APPROFONDISCI SUL SITO DI VITA

SCOPRI DI PIÙ SUL MONDO DEL LAVORO: NAVIGA SU RASSEGNALAVORO, LA VOCE DI CHI LAVORA

Comunicazione

|

27 Maggio 2020

Il Mattino

Italia unita come Siare, Ferrari e FCA

È l’Italia unita. Loro sono la Ferrari. Loro sono la Siare Engineering. Insieme, nella Motor Valley emiliana, hanno dato ossigeno all’Italia, producendo già 1.500 respiratori polmonari: li hanno consegnati negli ospedali d’Italia al Sud, al Nord al Centro. A ripercorrere questa impresa è il Mattino di Napoli a partire dal libro Tempo di IoP: Intranet of People. Bella storia di Made in Italy. Bella storia di queste settimane. Quella dell’Italia unita. #rassegnalavoroit

APPROFONDISCI SUL SITO DEL MATTINO

SCOPRI DI PIÙ SUL MONDO DEL LAVORO: NAVIGA SU RASSEGNALAVORO, LA VOCE DI CHI LAVORA

Comunicazione

|

22 Maggio 2020

LinkedIn

IoP nuova parola comunicazione interna

101 portali parlano di IoP: è la nuova parola della comunicazione interna aziendale. A lanciarla è stato Filippo Poletti (nella foto di Alessandro Tintori), autore del libro Tempo di IoP: Intranet of People. Significa intranet of people ovvero comunicazione digitale per le persone. Riflettiamone insieme a Italpress, Ansa, Yahoo, Virgilio, Tiscali, Corriere.it, Affaritaliani.it, Tpi.it, Ilgiornale.it, Liberoquotidiano.it, Ilmessaggero.it, Iltempo.it, Corrieredelmezzogiorno.it, Quotidianodelsud.it, Ilsussidiario.net, Lombardiaspeciale.it, Ilcittadinomb.it, Sestonotizie.it, Ilsicilia.it, Manageritalia.it, BiMag.it e tanti altri portali.

SCOPRI DI PIÙ SUL MONDO DEL LAVORO: NAVIGA SU RASSEGNALAVORO, LA VOCE DI CHI LAVORA

Comunicazione

|

19 Maggio 2020

Datalytics

Telegram e Datalytics per la comunicazione

E se facessimo comunicazione interna aziendale con Telegram, aprendo un canale riservato ai collaboratori? Non sarebbe un modo per far arrivare, in modo diretto, le notizie da condividere? Lo spunto arriva dal Digital Coffee di Datalytics, l’azienda italiana specializzata in soluzioni real-time di customer engagement: ecco le riflessioni sull’importanza della comunicazione interna aziendale.

SCOPRI DI PIÙ SUL MONDO DEL LAVORO: NAVIGA SU RASSEGNALAVORO, LA VOCE DI CHI LAVORA

Comunicazione

|

15 Maggio 2020

Manageritalia

Ora e sempre: persone al centro della ripresa

La crisi economica e finanziaria, che abbiamo di fronte, non lascia spazio ad altre interpretazioni: o ci uniamo per il bene comune o ci uniamo per il bene comune. È l’idea condivisa con Manageritalia ed Enrico Pedretti. Dici bene, Enrico: da una vita diciamo che dobbiamo mettere le persone al centro. La situazione attuale non ci permette di perdere un solo giorno. Buon “tempo di IoP”, il tempo della comunicazione aziendale con al centro le persone.

SCOPRI DI PIÙ SUL MONDO DEL LAVORO: NAVIGA SU RASSEGNALAVORO, LA VOCE DI CHI LAVORA

Comunicazione

|

13 Maggio 2020

Il Messaggero

50 anni da Statuto, lavoratori al centro

Per ripartire ai tempi del coronavirus occorre mettere al centro le persone attraverso la comunicazione interna aziendale. È “tempo di IoP”, di comunicazione che parli alle persone e delle persone. È questa la chiave di lettura proposta nel libro Tempo di Iop: Intranet of people: scritto dal giornalista Filippo Poletti, dal 9 maggio 2020 è disponibile come ebook e dal 28 maggio 2020 in formato cartaceo nelle librerie.

Comunicazione

|

12 Maggio 2020

Lombardia Speciale

Comunicazione interna, 5 pilastri

Il vero significato della intranet aziendale è una casa sorretta da 5 pilastri: l’unità per il bene comune, il dialogo, la formazione continua, il benessere dei collaboratori e la sostenibilità. Lo spiega il portale Lombardia Speciale. Come sempre, solo mettendo al centro le persone è possibile rilanciare e guardare con fiducia al domani.